Dopo il grande successo della prima stagione Netflix ha deciso di rinnovare per una seconda serie “Suburra”. Prima produzione italiana sulla piattaforma presente in 190 paesi. Non si hanno ancora notizie sulla trama della seconda stagione (anche se il finale della prima fa già capire tutto) che idealmente dovrebbe far avvicinare sempre di più i fatti descritti nella prima (appunto!). La serie era stata concepita come un prequel del film omonimo diretto da Stefano Sollima.

suburra_102_00063r.jpg

La data dell’uscita non è ancora stata resa nota. A mio parere la serie “Suburra” è stata una promessa mancata, un paese come l’Italia non può esordire sulla più grande piattaforma audiovisiva in questa maniera. Le prime due puntate sono pure intriganti ma dopo resta tutto praticamente immutato. Pure l’idea di far vedere prima la fine della puntata e poi ricominciare dall’inizio (poteva essere innovativa negli anni 70, forse) la si può sopportare una, due anche tre volte, ma non per tutta la serie. Regia al livello del “Commissario Montalbano”, il cast si salva, non tutto.

Non so perchè Cattleya (praticamente la Rai) abbiano deciso di presentare il nostro paese con il tema della mafia. Tra l’altro le vicende della malavita romana assomigliano ben poco a quelle di Suburra che soffre la sindrome d’inferiorità con la serie cugina “Gomorra” (tanto per essere originali).

Abbiamo tanta bellezza nel nostro paese, raccontiamola!

Annunci