Per coloro che non la conoscessero (penso massimo 4 persone ormai), Tredici è una serie TV prodotta da Netflix che racconta una vicenda tragica, nonché tremendamente vicina alla nostra realtà: una ragazza liceale, Hannah Baker, si è suicidata, e ci sono tredici motivi per cui ha deciso di farla finita. Li ha racchiusi in sette cassette, e ogni lato di ciascuna è rivolta ad una persona in particolare, che ha causato in qualche modo la sua morte: il suo ultimo desiderio è che tutte quelle persone debbano ascoltare le sette cassette dall’inizio alla fine, per poi farle girare al resto dei membri coinvolti, in ordine numerico a seconda della loro posizione nella cassetta, in maniera tale che ognuno, prima di passarle, sappia già le colpe di tutti.

tumblr_onu4jryqDO1qa3vuho2_500.gif

Che siate un genitore, uno studente, un disoccupato, o un lavoratore, non ha importanza: Tredici ha un messaggio per tutti, per le vittime e i carnefici, anche per chi lo è stato in misura minore, per chi ci sta intorno e per chi è estraneo. Lo spettatore viene trattato con maturità, e si è calati in un contesto verosimile a cui è difficile resistere, che utilizza l’espediente del thriller psicologico per dipingere il bullismo con onestà, in modo tale che possiate viverlo sulla vostra pelle.

Infatti, se i personaggi si chiedono cosa possano aver fatto di male ad Hannah, gli spettatori si chiedono quante Hannah hanno incontrato ogni giorno della loro vita. Quante volte abbiamo preso in giro qualcuno in maniera pesante, senza rendercene conto? E quante volte abbiamo trattato male un amico o un conoscente solo perché non stavamo passando un bel periodo?

Spesso purtroppo ce ne scordiamo, e Tredici vuole ricordare a tutti che ciascuno di noi ha una soglia di sensibilità diversa, e non sappiamo quali sono le battaglie che stanno combattendo coloro che ci circondano. 

CONSIGLIATISSIMA

VOTO: 7

Annunci