Altered Carbon è una nuova serie tv, da poco messa in onda su Netflix. Ho iniziato a vederla tre sere fa, l’ho già finita. é tratta da Bay City, primo capitolo della saga di Richard K. Morgan e per quanto voglia essere un adattamento televisivo di Blade Runner, a me non è per niente dispiaciuta. Certo Blade Runner è sacro, è il mio film preferito, ovvio che il paragone non sussiste, ma perchè paragonare sempre invece di goderci le cose per quelle che sono?

altered-carbon-netflix-101

Il tratto filosofico di questa serie sta nella vita potenzialmente illimitata degli esseri umani. È l’anno 2384, l’identità umana può essere immagazzinata su di un supporto digitale e trasferita da un corpo all’altro, permettendo agli esseri umani di sopravvivere alla morte fisica facendo in modo che i loro ricordi e la loro coscienza siano “inseriti” in nuovi corpi. Takeshi Kovacs, ex membro di speciali unità militari chiamati “Spedi”, viene ucciso e scaricato nel corpo che era in precedenza di Elias Ryker, agente di polizia di Bay City, per volere di Laurens Bancroft, un facoltoso e potente aristocratico dall’età di oltre 360 anni, che si è apparentemente suicidato, perdendo tutti i ricordi delle 48 ore antecedenti la morte. L’uomo è convinto di non essersi suicidato e ingaggia Takeshi Kovacs per indagare su quello che ritiene un omicidio.

https---blogs-images.forbes.com-insertcoin-files-2018-02-altered-carbon3.jpg?.jpeg

Bello è il rimando ad Edgar Allan Poe, nella versione di “albergo digitale”, si capisce che si sta assistendo ad un’opera nostalgicamente cyberpunk. La serie è ideata da Laeta kalogridis ( Shutter Island, Alexander, Terminator: Genesys). Molti dicono sia stata prodotta perchè Netflix voleva il suo “Westworld”, io personalmente preferisco Westworld, però questa serie non è così male come dicono, anzi.

 

CONSIGLIATO

VOTO 7

Annunci