I 5 migliori film horror ambientati a Natale

Il natale è alle porte, i film di natale sono ovunque… se anche tu cerchi qualcosa di più delle solite pellicole messe in onda ogni anno, ecco 5 titoli Horror ambientati durante il periodo di natalazio.

Krampus – Natale non è sempre NataleKrampuslocandina.jpg

 è un film del 2015 co-scritto, co-prodotto e diretto da Michael Dougherty. Il film è una commedia-horror basata sulla figura leggendaria del Krampus, demone che secondo la leggenda accompagna l’arrivo di San Nicholas.

Trasporto eccezionale – Un racconto di Natale (Rare Exports)trasporto.jpg

Il film è basato su miti precristiani del Nord Europa relativi alla figura di Babbo Natale. Il titolo originale, Rare Exports, si riferisce sia al rinvenimento del demone Babbo Natale nel ghiaccio (che quindi costituisce un trasporto eccezionale, in inglese appunto “rare exports”), sia alla compagnia di spedizioni di Babbi Natale che i protagonisti fondano alla fine del film (ossia la Rare Exports, Inc.). Il titolo italiano, essendo una traduzione letterale dell’originale, perde il secondo riferimento, riguardando solo la scoperta nei ghiacci della creatura.

Jack Frost

MV5BYjE4ZDAxNmItODBjMy00YjVlLTkwMDMtZjYxZWY0YmI4ZDczXkEyXkFqcGdeQXVyMTQxNzMzNDI@._V1_.jpg

è un film commedia horror americano del 1997 scritto e diretto da Michael Cooney. Il film si svolge nella città immaginaria di Snowmonton, dove (nella settimana prima di Natale) un camion che trasporta il serial killer Jack Frost (Scott MacDonald) alla sua esecuzione si schianta su un camion di genetica. Il materiale genetico causa la mutazione del corpo di Jack e la fusione con la neve sul terreno. Jack è presumibilmente morto e il suo corpo si scioglie. Tuttavia, torna come un pupazzo di neve assassino e si vendica dell’uomo che alla fine lo ha catturato, lo sceriffo Sam Tiler (Christopher Allport).

Natale di sangue (Silent Night, Deadly Night)215px-Silentnightdeadlynight.jpg

è un film horror prodotto negli Stati Uniti d’America nel 1984 e diretto da Charles E. Sellier Jr. Billy Chapman è un bambino irrequieto, ossessionato dal lato punitivo di Babbo Natale e questo a causa delle storie del nonno che gli racconta come il popolare portatore di doni punisca i bambini cattivi.

BLACK CHRISTMAS (un natale rosso sangue)Black-Christmas-Mondo-Poster

(IL MIO PREFERITO!)

è un film del 1974 diretto da Bob Clark. Un uomo sale nell’attico di un convitto di donne, mentre le inquiline festeggiano il Natale. Jess Bradford riceve una telefonata oscena da parte di un uomo che aveva già chiamato in precedenza quel numero. Dopo che l’amica Barb Coard provoca l’uomo, lui le risponde con “Io ti ucciderò”.

Annunci

Baby: ma che è no scherzo?

Buonasera ragazzi!

Ieri ho finito di vedere la tanto attesa serie italiana, prodotta da Netflix, BABY. Diretta da Andrea De Sica e Anna Negri. La prima stagione, composta da 6 episodi, è stata interamente pubblicata il 30 novembre 2018 su Netflix.  La serie si ispira al fatto realmente accaduto dello scandalo delle baby squillo dei Parioli, raccontando la vita e le vicende di un gruppo di adolescenti romani e delle loro rispettive famiglie.

Baby_serie_Netflix_ufs

Allora.. che dire? ehm.. non so.. ho paura di essere troppo cattivo ma a me è parso di rivedere tre metri sopra il cielo nella versione a luci rosse. La narrazione è dannatamente didascalica: madre sgrida figlia = figlia decide di fare la zoc..la (lasciatemi passare il termine); muore mia madre = sono un ribelle con tutti. Il livello ahimè è questo, io l’ho vista con tutte le buone intenzioni e aspettative ma so bastate due puntate per farmi capire che sarebbero state ampiamente deluse.

Sicuramente se queste ragazze dei fatti di cronaca, abbiano deciso di fare le baby escort, è perchè principalmente abbiano avuto dei problemi familiari ma, questa è una prima conclusione di un semplice lettore di quotidiani, non può essere il tema fondante sul quale si basa sta serie… Della serie : ci volevate voi per dircelo?

Riguardo le interpretazioni posso salvare solo Bendetta Porcaroli (nella serie Chiara Altieri), il resto è veramente disarmante. C’è da dire anche però, spezzo una lancia in favore del cast, che in sceneggiatura ci sono delle battute non credibili, didascalichee ovviamente l’interpretazione ne risente…

Il montaggio sembra costruito con lo scopo di tagliare buchi, si lo so che è quello lo scopo ma è anche quello di non farsene accorgere. Rallenty a manetta anche se i due personaggi portano a spasso un cane, musica a palla sempre (tutte hit da festivalbar). Carino ho trovato l’effetto di far apparire le chat.

alice-pagani.jpg

Il ruolo di Damiano odiato dal padre in una maniera così didascalica da far venire dal ridere (io ho riso), un non rapporto dove per presunto abbandono Damiano odia il padre, e questo ci sta, e un padre che non rivolge la parola al figlio perchè lo odia o perchè gli ricorda quel gesto che non doveva fare in passato. Ok, ma non potevate studiare chiavi narrative più originali? Un rapporto padre e figlio dove i due si rivolgono parole e attenzioni non vuol dire che sia sano, sappiatelo!

Non voglio continuare perchè in realtà mi dispiace, ripeto ero pieno di aspettative, vivo a Roma, volevo finalmente vedermi una serie italiana girata nella mia città e andarne fiero…

e invece stasera mi sà che mi sparo una bella serie straniera.