Benigni nel cast del nuovo film di Matteo Garrone

Roberto Benigni torna al cinema per interpretare Geppetto in #Pinocchio, il nuovo film scritto e diretto da Matteo Garrone.

“Un grande personaggio, una grande favola, un grande regista: fare Geppetto diretto da Matteo Garrone è una delle forme della felicità.”

garrone benigni.png

Questo riporta sulla propria pagina fb Matteo Garrone, il papabile futuro regista italiano candidato agli oscar parla della sua prossima pellicola : Pinocchio. Dalle indiscrezioni si parla di una rivisitazione della fiaba di Collodi in chiave nera. Garrone sostiene che Pinocchio per l’appunto sia stata sin da subito una fiaba nera, poi rivisitata e resa più vendibile ad un pubblico più vasto.

Sono un profondo estimatore di Garrone, spero tanto in questo film e non vedo l’ora che esca al cinema!

 

Annunci

MEMENTO di C. NOLAN esiste un’altra versione del film!

Memento, come molti di voi sapranno, è un film scritto da Jonathan e Christopher Nolan, diretto da Christopher Nolan. Non tutti sanno però che esistono due versioni del film! esattamente avete capito bene… Per chi non l’avesse visto allego qui la trama.

TRAMA (WIKIPEDIA)

In seguito a un attacco subito da due uomini con il volto coperto, che avevano stuprato e ucciso la moglie, Leonard Shelby è affetto da un disturbo della memoria per i fatti recenti (amnesia anterograda); non è quindi in grado di immagazzinare nuove informazioni per più di una quindicina di minuti. Per cercare di sopperire a questa mancanza cerca di scrivere e prendere appunti il più possibile su post-it, foto e perfino sulla propria pelle. Il suo corpo è infatti ricoperto da numerosi tatuaggi che gli forniscono indicazioni su cosa è successo e cosa dovrà fare.

 

Il montaggio del film è la rappresentazione visiva della mente del protagonista, ogni scena del film è interrotta dopo 15 minuti e riparte con un’altra scena di 15 minuti cronologicamente opposta a quella di prima; e il film prosegue così, alternando questi apparenti mini film senza logica continua ma mano mano che si arriva alla parte centrale del film, che secondo un ordine cronologico lineare, sarebbe la scena finale, lo spettatore inizia a collegare tutti i pezzi del puzzle insieme al protagonista. Lo spettatore così è come il protagonista, poiché vedendo eventi di cui ancora non ha visto i precedenti, si trova nella stessa condizione di spaesamento.

 

LA SECONDA VERSIONE

Nella versione distribuita in DVD e Blu-ray Disc in Europa è inclusa una copia del film con le scene montate in ordine cronologico, ovvero in maniera linearmente sequenziale. Tuttavia non è una vera e propria versione alternativa del film, in quanto il regista considera quella cinematografica come sua unica visione, ma un semplice contenuto extra predisposto dallo studio di distribuzione.

Ora corriamo tutti alla ricerca della versione in ordine cronologico!

ps se avete il dvd originale, guardatevi il cd 2 🙂

“Piccole avventure romane” il corto di Sorrentino per “la Rinascente” (video)

Una passeggiata notturna alla scoperta di una Roma deserta e misteriosa che raggiunge il suo apice dentro la Rinascente di via del Tritone. Questa l’idea dalla quale è partito il regista premio Oscar Paolo Sorrentino che firma il cortometraggio “Piccole Avventure Romane”.

“Un nuovo tassello nel mosaico di una Roma inedita e allo stesso tempo spettacolare. Sei minuti resi indimenticabili dall’inequivocabile maestria di Sorrentino e che confermano il ruolo di Rinascente, da 100 anni in prima linea per valorizzare l’arte italiana ed internazionale in tutte le sue declinazioni.” Questo dice la Rinascente parlando appunto del nuvo corto di Sorrentino che oltre ad essere un grande maestro di cinema, è un ottimo maestro pubblicitario come lo dimostra anche il corto fatto negli anni passati per la griffe “Bulgari”.

 

SEGUICI SUI SOCIAL FB E INSTAGRAM

I film italiani che devi aver assolutamente visto (dal 1942 al 2012)

Ciao ragazzi, amate il cinema? Bene! Ecco la lista dei migliori film che la nostra patria ha partorito dal 1942 al 2012. Conoscere ed aver visto questi film è necessario per poter capire e affrontare il cinema contemporaneo.
La lista dei film è stata fatta dal Centro Sperimentale di Cinematografia, la scuola di cinema numero 1 in Italia e tra le migliori del mondo.
Buona lettura e se non li avete visti buona visione!
4 passi fra le nuvole – Alessandro Blasetti, 1942
Ossessione – Luchino Visconti, 1943
Roma città aperta – Roberto Rossellini, 1945
Paisà – Roberto Rossellini, 1946
Sciuscià – Vittorio de Sica, 1946
L’onorevole Angelina – Luigi Zampa, 1947
Ladri di biciclette – Vittorio de Sica, 1948
La terra trema – Luchino Visconti, 1948
Riso amaro – Giuseppe De Santis, 1949
Cronaca di un amore – Michelangelo Antonioni, 1950
Miracolo a Milano – Vittorio de Sica, 1950
Bellissima – Luchino Visconti, 1951
Due soldi di speranza – Renato Castellani, 1951
Guardie e ladri – Steno, Mario Monicelli, 1951
Processo alla città – Luigi Zampa, 1952
La provinciale – Mario Soldati, 1952
Umberto D. – Vittorio de Sica, 1952
Europa ’51 – Roberto Rossellini, 1952
Lo sceicco bianco – Federico Fellini, 1952
Totò a colori – Steno, 1952
Pane amore e fantasia – Luigi Comencini, 1953
I vitelloni – Federico Fellini, 1953
Carosello napoletano – Ettore Giannini, 1954
L’oro di Napoli – Vittorio de Sica, 1954
Un americano a Roma – Steno, 1954
Senso – Luchino Visconti, 1954
La strada – Federico Fellini, 1954
Gli sbandati – Francesco Maselli, 1955
Un eroe dei nostri tempi – Mario Monicelli, 1955
Poveri ma belli – Dino Risi, 1957
Il grido – Michelangelo Antonioni, 1957
I soliti ignoti – Mario Monicelli, 1958
La grande guerra – Mario Monicelli, 1959
Un maledetto imbroglio – Pietro Germi, 1959
La ciociara – Vittorio de Sica, 1960
La dolce vita – Federico Fellini, 1960
Divorzio all’italiana – Pietro Germi, 1961
Rocco e i suoi fratelli – Luchino Visconti, 1960
Il bell’Antonio – Mauro Bolognini, 1960
Una vita difficile – Dino Risi, 1961
Divorzio all’italiana – Pietro Germi, 1961
Il posto – Ermanno Olmi, 1961
Accattone – Pier Paolo Pasolini, 1961
Il sorpasso – Dino Risi, 1962
Salvatore Giuliano – Francesco Rosi, 1962
L’eclisse – Michelangelo Antonioni, 1962
I mostri – Dino Risi, 1963
Le mani sulla città – Francesco Rosi, 1963
8 ½ – Federico Fellini, 1963
Il Gattopardo – Luchino Visconti, 1963
I pugni in tasca – Marco Bellocchio, 1965
Io la conoscevo bene – Antonio Pietrangeli, 1965
Signore e signori – Pietro Germi, 1965
Uccellacci e uccellini – Pier Paolo Pasolini, 1966
La battaglia di Algeri – Gillo Pontecorvo, 1966
Il medico della mutua – Luigi Zampa, 1968
Dillinger è morto – Marco Ferreri, 1969
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto – Elio Petri, 1970
Il conformista – Bernardo Bertolucci, 1970
Diario di un maestro – Vittorio De Seta, 1972
Mimì metallurgico ferito nell’onore – Lina Wertmüller, 1972
Il caso Mattei – Francesco Rosi, 1972
Lo scopone scientifico – Luigi Comencini, 1972
Nel nome del padre – Marco Bellocchio, 1972
Amarcord – Federico Fellini, 1973
Pane e cioccolata – Franco Brusati, 1973
C’eravamo tanto amati – Ettore Scola, 1974
Fantozzi – Luciano Salce, 1975
Cadaveri eccellenti – Francesco Rosi, 1975
Caro Michele – Mario Monicelli, 1976
Novecento – Bernardo Bertolucci, 1976
Una giornata particolare – Ettore Scola, 1977
Padre padrone – Paolo e Vittorio Taviani, 1977
Un borghese piccolo piccolo – Mario Monicelli, 1977
L’albero degli zoccoli – Ermanno Olmi, 1978
Ecce Bombo – Nanni Moretti, 1978
Un sacco bello – Carlo Verdone, 1980
Ricomincio da tre – Massimo Troisi, 1981
La notte di San Lorenzo – Paolo e Vittorio Taviani, 1982
Nuovo cinema paradiso – Giuseppe Tornatore, 1988
Mediterraneo – Gabriele Salvatores, 1991
Morte di un matematico napoletano – Mario Martone, 1992
Il ladro di bambini – Gianni Amelio, 1992
Il grande cocomero – Francesca Archibugi, 1993
Caro diario – Nanni Moretti, 1993
Il postino – Michael Radford, 1994
La vita è bella – Roberto Benigni, 1997
Ovosodo – Paolo Virzì, 1997
I 100 passi – Marco Tullio Giordana, 2000
Le fate ignoranti – Ferzan Ozpetek, 2001
L’ultimo bacio – Gabriele Muccino, 2001
Respiro – Emanuele Crialese, 2002
L’imbalsamatore – Matteo Garrone, 2002
Buongiorno notte – Marco Bellocchio, 2003
La meglio gioventù – Marco Tullio Giordana, 2003
Le chiavi di casa – Gianni Amelio, 2004
La nostra vita – Daniele Luchetti, 2010
Il divo – Paolo Sorrentino, 2008
Gomorra – Matteo Garrone, 2008
Vincere – Marco Bellocchio, 2009
Cesare deve morire – Paolo e Vittorio Taviani, 2012
SEGUICI SUI SOCIAL FB E INSTAGRAM

“The End Of The Fucking World”, avrà un seguito!

Per tutti i fan, e so che siete numerosi, di The end of the fucking world, contrariamente a come era stato detto, la serie avrà un seguito! Doveva terminare nella sua prima stagione perchè come saprete è ispirata all’omonimo fumetto di Charles Forsman, che termina esattamente come la prima stagione.

Contrariamente al fumetto che le ha dato luce la serie avrà un sequel e sarà prodotto da Netflix! Le date di inizio riprese non sono ancora state rese note così come le date di uscita in Italia e nel resto del mondo, però già sapere che è stata programmata è una grande notizia!

 

“Creeped Out – Racconti di Paura” una nuova onirica serie Netflix

Creeped Out – Racconti di paura (Creeped Out) è una serie televisiva britannico-canadese che ha debuttato il 31 ottobre 2017nel Regno Unito e in Canada sul canale Family Channel e successivamente su CBBC. La serie è un’antologia. Ogni episodio racconta una storia a sé ma sono tutti collegati tra loro da The Curious un misterioso personaggio mascherato raccoglitore di storie che appare all’inizio e alla fine di ogni episodio.creeped_out_cat_food_mayfield_avenue_sign

E’ una serie aggiunta il 5 ottobre ma per ora passata in sordina, chissà come mai eppure personalmente la trovo ricca di elementi molto curiosi, forse allora è meglio così. Meglio perchè, è bello quando anche gli altri hanno visto la serie tv che stai guardando, nasce un ocnfronto puoi piangere insieme ad un altro disperandoti su cosa farai una volta che sarà finita ecc.. ma io trovo anche molto affascinante innamorarsi di una serie che gli altri conoscono, ti fa sentire in un rapporto 1 – 1 non 1 – 1000000 ecc. Poi puoi sempre fare il figo consigliandola, esattamente come sto tentando di fare io.

Bando alle ciance! vedila prima che tutti citino frasi e spoiler di questa serie sul web!!

House of Cards arriva la nuova e ultima stagione senza Frank.

Il binomio House of Cards – Kevin Spacey sembrava imprescindibile, eppure le cose non sono andate così. A causa delle accuse di molestie,  la star ha dovuto abbandonare tutti i suoi progetti.

A prescindere da ciò che è giusto e ciò che è sbagliato pensare riguardo la situazione di Spacey, il nuovo trailer dimostra come anche dopo la morte di Frank Underwood, la serie riesca a vivere di autonomia propria.

Chi vivrà vedrà.

SEGUICI SUI SOCIAL FB E INSTAGRAM

“Senso” Visconti e il suo citazionismo pittorico

TRAMA (Fonte Wikipedia)

Senso è un film del 1954 diretto da Luchino Visconti, con Farley Granger e Alida Valli quali interpreti principali. Assistenti alla regia furono Francesco Rosi e Franco Zeffirelli, entrambi all’epoca quasi all’inizio della carriera.

Venezia, 27 maggio 1866, vigilia della terza guerra di Indipendenza. La voce fuori campo della contessa Livia Serpieri racconta una vicenda iniziata quando, durante una rappresentazione de Il trovatore alla Fenice, i sostenitori della riunione del Veneto all’Italia lanciano dei volantini antiaustriaci. Dagli incidenti che ne seguono nasce uno scontro verbale tra il nobile Roberto Ussoni, fervente filoitaliano, e il tenente dell’esercito austriacoFranz Mahler, con conseguente sfida a duello. Livia, presente a teatro, cugina di Ussoni e favorevole alla causa italiana benché sposata a un nobile veneto filo austriaco, chiede di essere presentata a Mahler e cerca di convincerlo a rinunciare al duello, temendo per le sorti del cugino. Ma Ussoni viene arrestato e condannato all’esilio. Quando Livia si reca a salutarlo al comando austriaco, incontra nuovamente Franz Mahler. Sempre più coinvolta dalla personalità dell’uomo, percorre assieme a lui le calli veneziane deserte per il coprifuoco. La loro lunga passeggiata dura l’intera notte e la donna si innamora perdutamente dell’ufficiale. Inizia così una travolgente e sensuale relazione, fatta di appuntamenti in camere a pagamento e di incontri clandestini, sino a quando lui scompare, gettandola nella disperazione e inducendola, incurante dello scandalo, a cercarlo invano affannosamente per tutta Venezia. Quando iniziano le ostilità tra Italia e Austria, Livia è nuovamente contattata da Ussoni, fuggito dall’esilio. Ussoni le affida l’ingente somma raccolta dai filoitaliani, chiedendole di portarla alla sua Villa di Aldeno, dove la Serpieri è in procinto di trasferirsi con il marito, timoroso della guerra. Dovrà consegnarla alle bande di sostenitori dell’Italia che si sono organizzate in quella zona con l’obiettivo di operare in armi dietro le linee austriache. Ad Aldeno Livia viene raggiunta da Franz che piomba in camera sua di notte sfuggendo ai guardiani e ai loro cani. La donna cede nuovamente alla passione per il tenente che, nascosto nel granaio con la complicità di Laura, la cameriera di Livia, la informa della possibilità di evitare la battaglia corrompendo dei medici che lo dichiarino inabile. Accecata dai suoi sentimenti, Livia consegna a Mahler la somma destinata alle bande filoitaliane e con quella l’ufficiale riparte per Verona. Nei giorni successivi si sviluppa la guerra, cui Ussoni tenta invano di far partecipare le forze irregolari, sino a rimanere ferito durante la battaglia. Ad Aldeno, intanto, Livia riceve una lettera con cui Franz le comunica che è riuscito a ottenere l’esonero. Benché lui le chieda di non muoversi, Livia, travolta da un impulso irrefrenabile, decide di partire per Verona, dove arriva la sera stessa della vittoria austriaca sugli italiani a Custoza. Qui, dopo aver sognato di riavviare la relazione con Franz abbandonando per lui il marito, Livia lo trova invece sporco, ubriaco e in compagnia di una prostituta, di fronte alla quale egli la insulta e la umilia pesantemente, mostrando alla donna la sua vera natura di uomo spregevole, ladro e delatore (confessa alla contessa di aver denunciato egli stesso il marchese Ussoni facendolo esiliare). Livia si rende improvvisamente conto di essersi innamorata di un’idea che purtroppo non ha nessun riscontro nella realtà. La donna fugge sconvolta e si reca al comando austriaco, dove denuncia Mahler consegnando la lettera nella quale questi le raccontava la corruzione messa in atto e rivela dove si trova. Il generale austriaco comprende i veri motivi del gesto della contessa, ma non può sottrarsi dal compiere il suo dovere. Il tenente Mahler viene quindi arrestato e immediatamente fucilato. Livia, impazzita dal dolore, vagherà invocando il suo nome per le strade di Verona, in mezzo ai soldati austriaci che festeggiano la vittoria.

 

Visconti, come sappiamo, era un uomo di grande cultura, amante dell’Opera e della pittura. In ogni suo film non mancano ricchissime citazioni e ispirazioni pittoriche. Nel film Senso l’impianto figurativo  è stato collegato all’opera pittorica di Francesco Hayez per quanto riguarda la rappresentazione del mondo aristocratico, di Telemaco Signorini per quello borghese, e di Giovanni Fattori per le scene della battaglia (cfr. Subini, 2005, p. 23). Alcuni degli esempi più citati sono:

  • il bacio di Franz e Livia ad Aldeno ripreso quasi testualmente dal Bacio (1859 – Brera) di Francesco Hayez

SENSO_BACIO_HAYEZ.jpg

  • l’alloggio degli ufficiali austriaci ispirato a La toletta del mattino (1898 – Collezione privata) di Telemaco Signorini;

juhyg.PNGTelemaco-Signorini-La-toilette-del-mattino-1898.-Collezione-privata.jpg

  • le scene della battaglia di Custoza, sono frutto di una serie di citazioni da Il campo italiano dopo la battaglia di Magenta e Il quadrato di Villafranca (Firenze, Galleria d’Arte Moderna) di Giovanni Fattori;

Senso-Luchino-Visconti-1954-It-Eng-subs15613920-43-56.jpglega_bersgl_con_prigion_1860.jpg

  • i vestiti di Livia sono tratti da Il canto dello stornello e La visita di Silvestro Lega.

1001128_543307839064666_1678104316_n.jpg

 

 

 

Netflix produrrà una serie tratta da Dracula di Bram Stoker con gli autori di Sherlock

Quanti di noi hanno amato il Dracula di Bram Stoker sia sulla carta stampata sia sulla pellicola diretta dal buon Francis Ford Coppola?

E’ giunta l’ora di darvi una buona notizia, Netflix ha deciso di produrre insieme alla BBC, una miniserie tv sul conte vampiro più famoso della storia.

Per maggiori informazioni vi suggerisco l’articolo dove ho letto questa notizia: COMINGSOON

 

SEGUICI SUI SOCIAL FB E INSTAGRAM

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: